Sab. Lug 13th, 2024

Una occasione importante per fare sentire la voce del sindacato che spesso si è schierato dalla parte dei cittadini di Bagheria, a muso duro contro un certo immobilismo, spesso su temi sociali di massima urgenza, e senza fozzilarsi sul “colore” di certe battaglia, quando condivisibili per il bene di tutti.

La Cgil parteciperà all’assemblea pubblica che si terrà alle ore 19.30 al Teatro comunale di Bagheria sulla violenza di genere.
“L’iniziativa, alla quale anche noi abbiamo aderito, è nata dopo il grido disperato di una mamma, la signora Maria Concetta Martorana, la cui figlia ha subito maltrattamenti dall’ex compagno – dichiarano la responsabile del Coordinamento donne Cgil Palermo Enza Pisa e il responsabile della Camera del Lavoro Cgil di Bagheria Giuseppe La Piana – Il fenomeno della violenza contro le donne continua a diventare sempre più strutturale e dilagante ovunque, nelle grandi città come nei piccoli comuni. E’ necessario attivare tutte le sinergie perché ancora non si fa abbastanza per la costruzione di una responsabilità collettiva basata sulla cooperazione di tutti nel contrasto della violenza di genere, degli abusi, delle discriminazioni, della mentalità che si annida dietro ai comportamenti violenti contro le donne.

Per questo bisogna esserci ed essere in tanti, a condividere questo momento”.
“Anche se ci occupiamo a più livelli delle violenze contro le donne, sia quelle sul lavoro che domestiche, non basta – aggiungono Enza Pisa e Giuseppe La Piana – ciascuno deve assumersi la responsabilità all’interno del proprio operato per promuovere un cambiamento culturale che passi dal rispetto degli altri e delle differenze. E questo soprattutto deve avvenire nei piccoli comuni, dove è possibile fare rete e coinvolgere le scuole in iniziative di sensibilizzazione e in aperture di sportelli per le denunce. Come Cgil siamo aperti a contribuire insieme alle associazioni e ai comuni per la definizione di un piano strategico per il contrasto di ogni tipo di violenza sulle donne. Se ognuno fa la sua parte, tutti insieme potremo produrre dei piccoli cambiamenti”.

Resta sempre aggiornato con noi:

Di Ignazio Soresi

Classe 1969. Si forma dai gesuiti a Palermo. Studia Economia e Commercio, Scienze Politiche, Scienze Biologiche ed in età matura, Beni Culturali ad indirizzo Storico/archeologico. Opera in ambito turistico. Ha collaborato con diverse testate.