Lun. Lug 22nd, 2024

I ricordi del Professore Antonino Russo, anche nella semplicità delle interpretazioni degli eventi e delle ricostruzioni del passato di Bagheria coi suoi usi e costumi, restituiscono immagini romantiche.

Una cosa che caratterizzava la vita dei nobili del ‘700 erano le feste, sempre allietate dalla musica.
I musici a volte abitavano nella stessa villa, altre volte venivano invitati al momento. In parte erano autodidatti, ma c’erano anche quelli che avevano studiato. I musici di pietra di villa Palagonia danno l’idea di una società dedita al divertimento fine a se stesso.
Il Principe voleva offrire ai suoi familiari e agli amici che lo andavano a trovare la sensazione che la vita della villa trascorresse lietamente. Cosi ha fatto inserire, tra i personaggi di gesso, alcuni musici intenti a suonare i loro strumenti.
Alcuni bambini sostenevano di udire alcuni strumenti. In effetti era una loro impressione perché nei dintorni non vi era alcuno intento a suonare.

Quando io ero ragazzo la villa Palagonia veniva affittata dai proprietari di allora per effettuarvi feste di nozze.
Dopo l’intrattenimento, una orchestrina composta da pochi elementi suonava alcuni motivi noti e gli invitati ballavano. A tarda sera, poi, le persone adulte abbandonavano la sala, mentre noi giovani ci fermavamo a ballare fino al sorgere del nuovo giorno.

Resta sempre aggiornato con noi. Scegli tu come:

https://x.com/inchiestabagher

https://whatsapp.com/channel/0029VaG4bJT89inrTrPmgE3P

https://t.me/linchiestadibagheria

Di Antonino Russo

Bagherese del ‘36, nel 1959 si trasferisce a Napoli per insegnare in una “elementare” nel popolare e pittoresco rione Vergini - Sanità. Si lascia coinvolgere dai fermenti culturali di Bagheria, dandosi proficuamente alla poesia, ma anche alla saggistica e alla narrativa. Collabora con numerose testate, è sociologo dal 1990.