Sab. Lug 13th, 2024

Il disagio giovanile è dilagante ed è evidente la mancanza di volontà di affrontare il problema ed intervenire.

È successo qualche giorno fa nella ormai famigerata via capitano Luigi Giorgi, durante l’intervallo delle lezioni di un ente di formazione che insiste nella zona e che svolge attività di scuola parificata. Un paio di giovani discenti hanno trafugato il resto di un anziano signore presso un esercizio commerciale e sono scappati per rientrare in classe. Il gesto però non è passato inosservato e il signore li ha inseguiti fino all’istituto, incredibilmente ospitato in un loculo seminterrato (il rilascio dei nulla osta resterà sempre un mistero almeno fino alla fine di questa “sindacatura”), scatenandosi in una invettiva verbale molto veemente, fomentata dall’atteggiamento dei giovani, fino all’intervento di un responsabile, che ha obbligato i giovani al rimborso.
Il botta e risposta ha richiamato l’attenzione di un vicinato fortemente stressato dall’indifferenza di questa amministrazione alla gestione di questi disagi che si manifestano in vari modi.
Qui come in altre zone, la gestione INESISTENTE, delle politiche giovanili, di inclusione e della famiglia, stanno lasciando un segno indelebile.

Una delega assessoriale di un peso fondamentale per una realtà come la Bagheria post Covid, lasciata in mano per anni all’impalpabile Schliemann de noiartri, usata come merce di scambio per la sopravvivenza politica di questa pseudo maggioranza, affidata all’assessore Sorriso Durbans volemose bene. Cosa dovremmo aspettarci?

#bravofilippocomplimenti #bagherianonecomunepertutti #nnapurtammusemprebella #filipposeiunmaestro  #filipbustier

Apri gli occhi insieme a noi. Rimani sempre aggiornato:

Di Ignazio Soresi

Classe 1969. Si forma dai gesuiti a Palermo. Studia Economia e Commercio, Scienze Politiche, Scienze Biologiche ed in età matura, Beni Culturali ad indirizzo Storico/archeologico. Opera in ambito turistico. Ha collaborato con diverse testate.