Sab. Lug 13th, 2024

La vicenda del crollo del soffitto in una palazzina dello IACP, al cosiddetto “villaggio del pescatore” del borgo marinaro, nasconde un paio di retroscena.

A parlare non siamo noi, è ancora una volta l’Assessore Regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità, che è quello competente alla gestione degli edifici dell’Istituto Autonomo Case Popolari.
Quasi un anno fa, due abitazioni del villaggio dei pescatori ad Aspra subirono un crollo lasciando senza casa, Ignazio Preziosi e Gesualdo Vanella, uno dei quali messosi in salvo quasi per miracolo. Le case sono dello IACP e la competenza è dell’assessorato la cui delega è gestita dall’On. Aricò.
Le lungaggini burocratiche ci sono e ci sono state, ma quei cittadini sono i cittadini di Bagheria, sono cittadini di Aspra, una comunità tanto attiva nel fare quadrato intorno all’Assessore Comunale al Decentramento, per ottenere il palo della luce o altri servizi spacciati per favori personali e a difenderlo dalle critiche sui social, ma tanto assente nel fare quadrato intorno ai compaesani che avevano perso la casa, e di questa assenza parla Aricò.

Ma l’assessore riferisce un fatto più grave: era stata individuata una casa dello IACP da assegnare agli sfollati, e del fatto era stato messo a conoscenza solo Il Comune di Bagheria. In 24 ore la casa era stata abusivamente occupata. “Mancanza totale di controllo” denuncia l’esponente di Fratelli di Italia; non una novità a Bagheria, aggiungiamo noi. Ma gli occupanti come hanno saputo della casa disponibile se lo IACP lo aveva comunicato solo al Comune di Bagheria?

Pensa con la tua testa. Resta sempre aggiornato con noi. Scegli tu come:

https://whatsapp.com/channel/0029VaG4bJT89inrTrPmgE3P

https://t.me/linchiestadibagheria

Di Ignazio Soresi

Classe 1969. Si forma dai gesuiti a Palermo. Studia Economia e Commercio, Scienze Politiche, Scienze Biologiche ed in età matura, Beni Culturali ad indirizzo Storico/archeologico. Opera in ambito turistico. Ha collaborato con diverse testate.