Sab. Lug 13th, 2024

Sotto gli occhi di tutti, in pieno giorno, ma nel giro di una sola notte, cresce la preoccupante raccolta di legnami trattati che sembrano proprio una terrificante pira.

Nella totale indifferenza delle istituzioni, si sta consumando quella che è una tragedia ambientale annunciata.

Abbiamo testimoniato a più riprese il cumulo di rifiuti che si sta preparando, pensiamo in occasione della vampa di San Giuseppe, ma quella che è apparsa stamattina sembra veramente preoccupante.
Come mostrato nelle foto seguenti, ieri pomeriggio, la solita musica a palla aveva attirato l’attenzione dei lettori che avevano però notato e documentato, uno strano movimento di persone attorno al cumulo.

Ma la nuova costruzione non era ancora presente.
Alla mezzanotte poi i giochi d’artificio non autorizzati avevano annunciato il nuovo giorno e probabilmente qualche compleanno.
Stamattina la sorpresa. La costruzione comincia a prendere forma per rivelarsi per quello che è: una pira che una volta incendiata sarà veramente pericolosa, e anche dannosa poiché composta da legnami trattati e verniciati.
Una catastrofe ambientale di cui saranno responsabili tutti coloro che stanno facendo finta di niente.
Quand’anche non gli si desse fuoco, resterebbe una discarica abusiva, in cui per documentare l’illecito basta passare in qualunque ora del giorno come documentato dalle immagini: non serve nemmeno chissà quale indagine.

Ci pare vergognoso che nel 2023 ci siano porzioni di territorio, terra di nessuno, in balia di equilibri che non osiamo immaginare, che non si possano nemmeno mettere in sicurezza.
Ma non ci stupisce, considerando l’assoluta indifferenza di questa amministrazione che ci proclama lo spazzamento delle strade come l’evento dei record e non sa garantire briciole di normalità nella sua città.

Bagheria non è un Comune per tutti.

Di Ignazio Soresi

Classe 1969. Si forma dai gesuiti a Palermo. Studia Economia e Commercio, Scienze Politiche, Scienze Biologiche ed in età matura, Beni Culturali ad indirizzo Storico/archeologico. Opera in ambito turistico. Ha collaborato con diverse testate.