Lun. Lug 22nd, 2024

Ho incontrato nella mia vita la bellezza? Esiste davvero o, anche se esiste, non è raggiungibile e devo accontentarmi di qualche suo sbiadito riflesso? E se esiste e l’ho incontrata, riesco a comunicarla o rimane un miraggio solo mio? La bellezza sembrerebbe essere luce che sta oltre noi e appalesarsi alla coscienza come nostalgia o anelito di essa. Ora, la grande novità della vita cristiana è che questa luce, che ti trascende e di cui non puoi disporre, a un certo punto diventa luce che ti porti dentro e che ti porti addosso, su vesti «splendenti» simili a quelle di Gesù.

La Trasfigurazione è per i discepoli vedere la luce della vita di Cristo, che è vita di Dio in un corpo umano come il nostro. Da qui la percezione che il mio corpo, reso grigio dal dolore e dall’inconsistenza dell’esistenza, è in grado di raccontare la storia del mio incontro con Cristo Luce e di conseguenza cominciare a splendere di bellezza. Non è possibile ricevere la luce di Gesù se non ci si lascia condurre da Lui «in disparte, su un alto monte». Salire sul monte, che nella tradizione biblica è il luogo della rivelazione di Dio, implica la necessità di distaccarsi dalla pianura, dal proprio modo di concepire e cercare la bellezza per farsi dire da Cristo cosa essa realmente sia. «Sei giorni» prima della scalata, i seguaci del Maestro hanno mostrato di essere ancora legati ad un’idea trionfalistica di bellezza, che per loro non può in alcun modo essere rappresentata da un Messia dal volto sfigurato, poiché Pietro rifiuta la croce prospettata a Cesarea. Adesso essi stanno davanti a Gesù che si trasforma in fonte della luce, lo contemplano nella sua essenza divina, lo vedono come lo vede il Padre. Qual è il senso di questo evento gratuito e soprannaturale? Cristo non sta cedendo alle aspettative di gloria mondana dei suoi discepoli, ma sa che se la promessa della vittoria pasquale non si rende visibile per un momento, non si avrà il coraggio di seguire il Maestro nella proposta di vita che Lui ha fatto sei giorni prima.

Mosè ed Elia che parlano con Gesù sono la testimonianza perenne della Legge e dei Profeti che lo hanno annunciato e che trovano compimento in Lui, perché Egli è la meta del cammino di ricerca della bellezza che l’uomo fa nel corso della storia e che la Scrittura attesta nelle sue incertezze, cadute e riprese. Pietro vorrebbe costruire tre capanne per rendere permanente una tale situazione di gloria sulla terra, anticipando, senza passare per il Calvario, il tempo messianico nel quale i popoli si sarebbero radunati a Gerusalemme per la festa delle Capanne (Zaccaria 14,16-19). Ancora una volta emerge nei discepoli la paura di affrontare il duro cammino della sequela. Ciò è un forte richiamo contro la possibile tentazione di usare la preghiera e la fede, luoghi della nostra trasfigurazione, come rifugio perché abbiamo il terrore di affrontare la vita. L’esperienza della luce divina è autentica se ci immette nuovamente là dove si dispiega la nostra vita, rendendoci capaci di riprodurre il volto di Gesù nei contesti esistenziali che talvolta sembrano aver estromesso Dio, analogamente a Gesù che riproduce il volto del Padre.

È proprio il Padre che pone il sigillo su questo evento, dandoci la chiave per entrare nel mistero della bellezza: l’ascolto della parola del Figlio. L’ascolto lungo la via è la via della bellezza. Scendendo dal monte della visione, ciascuno sarà accompagnato dalla parola di Cristo che gli ricorderà l’amore contemplato e lo istruirà per poter rendere presente nel mondo lo stesso amore. Certo, non è facile mantenere lo sguardo sull’orizzonte di cui abbiamo pregustato la presenza quando devi combattere faccia a faccia con gli impedimenti e le tentazioni quotidiane, ma dentro l’esperienza fatta sul monte vi è un tratto di immensa tenerezza di cui il discepolo deve fare ulteriore memoria quando la vita diventa aspra: «Gesù si avvicinò, li toccò». Il nostro non è un Dio che ti prospetta cose alte ma impossibili da raggiungere; Egli ti rende capace di vivere la profondità e radicalità della relazione con Dio e col prossimo nella semplicità di un contatto fatto di sguardi donati, mani intrecciate, parole scambiate. Per l’uomo di fede, ognuno di questi momenti di incontro nell’amore col Signore e i fratelli è esperienza di ascolto rinnovato dell’invito di Gesù «alzatevi e non temete», è l’irruzione del divino nell’umano: ti senti investito di gioia, rivestito di profonda fiducia e ricolmo di gratitudine e di amore, perché ti senti amato. E così l’impossibile diventa possibile.

don Antonino Sgrò
II Domenica di Quaresima (Anno A) (05/03/2023) Vangelo: Mt 17,1-9 

Resta in contatto con noi:

Di Admin