Lun. Lug 22nd, 2024

Semmai ve ne fosse bisogno, questa mostra storicizza in modo completo il Movimento INTERNAZIONALE NOVATRICE INFINITESIMALE fondato da Gabriel-Aldo Bertozzi il 3 gennaio del 1980, a Parigi al cafè de Plore, presente Isidore Isou che nei primi anni ’40 aveva fondato il Lettrismo. Il Movimento si è diffuso in Italia, in Francia e quasi subito ha raggiunto le Americhe. In Italia il sottoscritto si è trovato ad essere annoverato tra i primi aderenti al Movimento. Lo stesso è ancora operante in varie parti del mondo grazie all’attività di Gabriel-Aldo Bertozzi che opera affinchè ogni elemento del gruppo dia il proprio contributo alla continua crescita. Il catalogo documenta in modo esauriente tutta l’attività del Movimento in ogni parte del mondo. Tutti gli artisti sono rappresentati da varie opere all’interno del catalogo. Nello stesso sono state registrate le più importanti opere che hanno permesso al Movimento di essere conosciuto un po’ ovunque.

Bagheria fa capolino nel catalogo con la statua del Marabitti di Palazzo Trabia, grazie alla mia inipoesia-collage “L’abbondanza delle lettere” del 1993. Della mia adesione al Movimento si parla nel capitolo-premessa “L’avanguardia dell’avanguardia” di Angelo Merante, alla pag. 25. All’interno del catalogo, poi, sono riprodotte quattro opere mie: “F come femmina numero 1”; “F come femmina numero 2”; “Noblesse oblige” e la già citata “Abbondanza delle lettere”.

Il catalogo chiude con una Bibliografia Essenziale che offre un panorama completo su quanto è stato scritto e pubblicato sul Movimento.
Tale catalogo, pubblicato nel gennaio di quest’anno, è di grande formato su carta patinata; la stampa a colori delle opere è abbastanza curata.Possiamo dire che si tratta di una edizione uso regalo.

Resta sempre aggiornato:

Di Antonino Russo

Bagherese del ‘36, nel 1959 si trasferisce a Napoli per insegnare in una “elementare” nel popolare e pittoresco rione Vergini - Sanità. Si lascia coinvolgere dai fermenti culturali di Bagheria, dandosi proficuamente alla poesia, ma anche alla saggistica e alla narrativa. Collabora con numerose testate, è sociologo dal 1990.